Carattere (Standard di razza dell’Australian Shepherd Club of America):

l’Australian Shepherd è intelligente, fondamentalmente un cane da lavoro con grande istinto di conduzione e di guardia. E’ un compagno eccezionale. E’ versatile e facilmente addestrabile, svolge i compiti assegnati con grande entusiasmo e stile. E’ riservato con gli estranei, ma non timido. Sebbene sia un lavoratore energico e autoritario, l’aggressività verso animali o persone non è tollerabile.

Disc“...intellingente...”
Questa parola descrive accuratamente molti Aussie, ma che cosa significa esattamente? Gli Australian sono intelligenti e imparano molto velocemente i comandi base dell’ubbidienza, ma questo è solo parte di come lavora l’intelligenza di questi cani. Gli Aussie risolvono abilmente i problemi; sono inoltre famosi per la loro abilità di pensare in maniera indipendente e prendere decisioni in maniera autonoma. Non vedono “limiti” nel loro ambiente... solo opportunità. Questo è un tratto distintivo necessario della loro abilità lavorativa con il bestiame e si trasferisce ad altre aree della vita.

I proprietari di Australian dovrebbero insegnare con ponderazione dei limiti, prima che il proprio Aussie colga ogni opportunità! Prendiamo ad esempio i recinti. Gli altri cani percepiscono le recinzioni come un ostacolo insormontabile. Un Labrador guarda il recinto e dice “Dannazione, un recinto. Penso che resterò in giardino”. L’Aussie lo guarda e pensa “hmm, lo posso superare” e poi inizia a provare 90 differenti modi x farlo. Molti proprietari di Aussie sono shockati dall’abilità di evadere del loro cane. In un anno molti Australian perdono la vita dopo essersela svignata da una recinzione apparentemente sicura. Il motivo è forse da attribuire alla loro fenomenale abilità di saltare e al loro atletismo? In parte, ma la ragione principale di questa nota caratteristica è che gli Australian non considerano le recinzioni nella stesso modo in cui lo fanno le altre razze. Se c’è un problema sul cammino di un Aussie (come per esempio superare uno spazio recintato per andare a vedere cosa c’è di interessante dall’altra parte), generalmente troverà una maniera per risolverlo velocemente.

Un altro esempio: se un Aussie ha fame (e gli Australian sono generalmente molto motivati verso il cibo, una caratteristica che non viene elencata nello standard di razza), cercherà del cibo e troverà il modo di ottenerlo! Se questo significa aprire una credenza, saltare su un bancone, aprire la zip di uno zaino, scartare i cioccolatini di Natale, escogiterà il modo per farlo. Gli Aussie vedono gli ostacoli, ma non vi si sottomettono, piuttosto si immaginano una via per aggirarli! In qualità di cani da conduzione o da sport e da obedience, la capacità di risoluzione dei problemi di questi cani può essere un problema per quei proprietari che utilizzano metodi di addestramento monotoni, a concatenazione. Un sistema ripetitivo può annoiare facilmente o persino causare antipatia per quella particolare attività in un Aussie. Molti di questi cani tenteranno di inserire qualcosa di loro nel“gioco” e quello che inseriranno non si rivelerà sempre l’ideale nel lavoro o in gara! Per mantenere motivato un Australian bisogna permettergli di risolvere i problemi.

“...per prima cosa un cane da lavoro...”Sheep
L’Australian medio ama avere qualcosa da fare. Questo non significa che siano solo “atleti” e che abbiano bisogno di un’attività fisica senza fine.... piuttosto il contrario! Hanno necessità tanto della stimolazione mentale, quanto di quella fisica. Dovrebbe esserci un sano bilanciamento in queste due sfere della loro vita, per evitare l’insorgere di problemi. Il problem-solving degli Australian Shepherd non è solamente un tratto del temperamento, ma una motivazione. A loro piacciono le sfide, amano immaginare come risolverle; il successo nel problem-solving è esso stesso una ricompensa.

Molte case offrono parecchia attività fisica, ma non molte lo stesso livello di stimolazione mentale e questo può condurre ad alcuni problemi. I proprietari di quei cuccioli di Aussie cui non viene fornito un adeguato bilanciamento tra stimolazione mentale e fisica, spesso si ritrovano ad avere un cane molto prestante fisicamente, ma insoddisfatto mentalmente. Tutto ciò porta ad un soggetto capace di trascorrere con entusiasmo e con tenacia la giornata creando modelli di tappezzeria molto innovativi, grazie alla sua fantastica forma fisica (e al suo cervello ansioso di risolvere problemi). Molto si è scritto sugli Aussie rispetto al fatto che siano una razza attiva con un alto livello di energia.

Sarebbe più accurato affermare che un Australian annoiato è un cane attivo con un alto livello di energia. Quei soggetti a cui viene offerto un adeguato livello di stimolazione mentale possono essere molto soddisfatti con una regolare passeggiata al guinzaglio ogni giorno e poche corse o giochi di riporto alla settimana.

Esempi di attività con stimolazione mentale:
• Razionamento del cibo (Kong ripieni, invece della ciotola di cibo)
• Ossa da masticare stuzzicanti, ma difficili da smembrare
• Giochi da riporto (questo fornisce anche stimolazione fisica)
• Insegnamento di trucchetti (ricompensati concedendo oggetti di alto valore x il
cane)
• Gioco del cerca e trova col proprietario (fisico per tutti i giocatori!)
• Agility (è anche fisica, ma innanzitutto mentale... su cataste di legno, nel bosco o
con una regolare attrezzatura nell’ambito dei campi di addestramento)
• Gioco libero con altri cani conosciuti (stimolante anche fisicamente)
• Classi di obedience
• Flyball (stimolante anche fisicamente)
• Lavoro su bestiame (stimolante anche fisicamente)

Pig“... con forte istinti di conduzione... autoritario...”
L’abilità di tiranneggiare con autorevolezza il bestiame è una caratteristica che è stata fissata dagli allevatori in centinaia di anni o più di selezione. La parola chiave, in questo caso, è “fare il padrone”. Agli Aussie piace mettere in ordine il proprio mondo e sanno che possono influenzare la creazione di quell’ordine. Questo significa che se la leadership e la guida degli esseri umani è debole, allora prenderanno loro il comando.

Proprio perchè POSSONO farlo non significa che DOVREBBERO. Sono cani che hanno la tendenza a fare il cane da guardia e l’indipendenza e la baldanza necessarie per sostenere un abbaio con un morso. E’ una razza che necessita di un buon leader come proprietario, che gli mostri i confini e fornisca la leadership di cui ha bisogno. Ricordate che un Aussie che tiranneggia il bestiame si suppone possa farlo anche con una persona, quando ci collabora.

Un Australian che pensa di essere il leader all’interno del proprio branco umano è solitamente più stressato di quello che dovrebbe, e può anche iniziare a tiranneggiare i membri umani della famiglia verso i quali può arrivare ad adottare un comportamento incontrollabile ed inappropriato, che può persino sfociare nell’aggressività. Un’altra componente dell’istinto di conduzione tipico degli Aussie è l’abilità di condurre la preda (la reazione istintiva di muovere gli oggetti/inseguire e
catturare). Condurre la preda è quello che fa di un Australian un drogato del gioco con la pallina o col freesbee. Amano rincorrere ed acciuffare gli oggetti in movimento. Bambini, gatti e macchine sono spesso obiettivo di questo impulso. E’ importante canalizzarlo in attività appropriate e insegnargli che cosa NON è appropriato.

Se l’istinto a condurre è presente, il cane si sentirà molto motivato nell’esprimerlo. Il proprietario deve fornire al cane uno sfogo o l’Aussie, indipendente e attratto dalla risoluzione dei problemi com’è, troverà come farlo da solo. In qualità di razza con un forte istinto di conduzione sulle prede, gli Australian sono generalmente visivamente molto sensibili. E’ importante ricordarlo durante il
processo di socializzazione. Notano cose che cani di altre razze non notano e il loro processo di socializzazione dovrebbe essere di vasta portata proprio per questo motivo.

“...è un compagno eccezionale... versatile e facile da addestrare...”Ball
I proprietari che hanno avuto precedenti esperienze con altre razze spesso muovono critiche all’abilità di venire addestrati degli Australian Shepherd. Questa non ha nulla a che fare con l’intelligenza.... ma ha a che fare con la buona volontà di questa razza a ricevere istruzioni. L’addestrabilità degli Aussie è una combinazione di caratteristiche mentali e fisiche. A livello mentale, ad un Australian piace ricevere ordini e assecondare il proprietario. Fisicamente, per essere un cane da bestiame, deve essere resistente e risoluto e deve affrontare prontamente la sofferenza o il dolore che possono capitargli (se riceve il calcio di un vitello, sbatte su un recinto, lavora con un tempo inclemente, ecc...).

Questo significa che hanno bisogno di sapere cosa si pretende da loro e che solitamente sono felici di accondiscendervi, quando lo capiscono. Nei confronti del lavoro su gregge, cambiano prontamente tattica e imparano i desideri del conduttore. Se non vengono indirizzati, possono sentirsi ansiosi e tentare di fare da soli, non esattamente l’ideale per questo genere di cani. Un cucciolo di Australian vuole che gli vengano mostrati quali sono i limiti; ne ha bisogno per avvertire chi è il leader e che si tratta di qualcuno cui può fare riferimento e da cui può prendere ordini.

Per quanto riguarda l’aspetto fisico, un buon Aussie da lavoro su bestiame dovrebbe essere in grado di ricevere un calcio nei denti, rialzarsi pronto a prenderne altri e ritornare al proprio lavoro senza alcuna esitazione. I vitelli lo mettono alla prova abbastanza duramente ... e lui ritorna pieno di entusiasmo! Anche questo tratto riguardante la forza fisica può causare difficoltà
nell’addestramento, tra conduttore e cane. Un valido esempio potrebbe essere l’utilizzo della longhina al fine di strattonare col guinzaglio (mentre si addestra il richiamo o nel lavoro su bestiame, ecc). Potrebbe essere un motivo di frustrazione per quei conduttori che hanno utilizzato tali metodi di addestramento con successo per altre razze. Un Border Collie o un Labrador Retriever risponderebbero probabilmente abbastanza bene all’azione sulla longhina, grazie alla loro sensibilità fisica... ma non la maggior parte degli Aussie.

Se gli Australian non connettono lo strattone del guinzaglio al conduttore, il loro vigore può indurli ad ignorarlo. Il conduttore di un Aussie deve trovare un modo differente per mostrare al suo cane cosa deve e cosa non deve fare, una maniera che consenta al proprio Australian di assecondare i desideri del compagno umano, piuttosto che lo costringa a tentare di evitare un disagio. La presenza di un potente impulso predatorio in questi cani può far sì che le persone che desiderano un grande cane sportivo o da obedience utilizzino giochi basati su di esso come motivazioni di alto livello.

Alcuni Australian sono più appassionati ai giochi improntati sul predatorio che non al cibo! La forza e lo stoicismo dovrebbero inoltre essere presi in considerazione se si considera l’argomento la salute. Gli Aussie possono essere estremamente stoici. Se
il tuo Australian mostra di provare dolore, è il caso di investigare oltre.

Neve

“forte ... con istinti di guardiano ... riservato con gli estranei... aggressivo, autoritario...”
“forte... con istinti di guardiano...” Gli Aussie sono cani da guardia protettivi. “... riservato con gli estranei...” Gli Aussie sono profondamente attaccati alla loro famiglia, ma non tendono a cercare il contatto con gli estranei, nè li accettano facilmente come “amici”. Questo non significa che sono timidi o aggressivi. Sono selettivi nelle loro interazioni sociali. Possono essere stremamente affettuosi con i membri della loro famiglia, ma non sono interessati ai gesti d’affetto degli sconosciuti.

“...aggressivi, autoritari...”
In un incidente stradale con dei feriti, sul luogo continua ad arrivare gente; ci sono persone che A) si fanno avanti e se ne prendono cura B) proseguono sulla loro strada C) rimangono a fare gli spettatori. Gli Aussie sono il tipo A. Quando sta succedendo qualcosa, entrano in azione. Spesso non si tirano indietro davanti ad una sfida e le loro abilità di problem solving, nonchè la loro indipendenza, fanno sì che tentino di manipolare l’ambiente. Inoltre, non si danno per vinti facilmente.